Lotte sindacali: Gls pronta a lasciare Piacenza. Foti: «Disastro per l’economia locale»

«Da mesi denuncio gli atti di violenza che stanno inducendo diverse attività della logistica piacentina a ridimensionarsi oppure a chiudere», è l’allarmato giudizio di , deputato di Fratelli d’Italia, che ha rivolto una interrogazione ai ministri Salvini e Di Maio

«Da mesi denuncio gli atti di violenza che stanno inducendo diverse attività della logistica piacentina a ridimensionarsi oppure a chiudere», è l’allarmato giudizio di Tommaso Foti, deputato di Fratelli d’Italia, che ha rivolto una interrogazione ai ministri Salvini e Di Maio.

«L’impossibilità di ottenere il rispetto dei più elementari principi contrattuali – rimarca Foti – è fonte di pesanti perdite per le aziende del settore. Occorre scongiurare con ogni mezzo la fuga della logistica da Piacenza, ed il relativo disastro che ne conseguirebbe per l’economia del nostro territorio».

Per il parlamentare del movimento politico di Giorgia Meloni la situazione è grave: «Se un’azienda del calibro di Gls – sottolinea Foti – si appresta a chiudere i battenti, non vi sarebbe da sorprendersi se altri decidessero di seguirne le orme.

E’ infatti del tutto intollerabile che il susseguirsi degli scioperi, l’assenteismo cronico, nonché le continue risse tra lavoratori di sigle sindacali tra loro avversarie, rendano impossibile la normale organizzazione del lavoro».

I numeri, come riporta nell’interrogazione il deputato di Fratelli d’Italia, sono infatti desolanti: «Gls ha registrato mancati incassi per 3,8 milioni di euro nel solo 2018. Il susseguirsi degli incontri presso il Ministero dello Sviluppo Economico – chiosa Foti con rammarico – non ha prodotto quell’auspicato clima di serenità che è indispensabile al lavoro».

«Non è accettabile – scrive il parlamentare al Governo – che pochi facinorosi facenti capo a Si Cobas e Usb possano minare uno dei settori più importanti del nostro territorio. Un ritorno alla legalità non è altrimenti rimandabile».

Per Foti il da farsi è ben chiaro: «Serve un deciso intervento da parte delle forze dell’ordine, il Ministero dell’Interno valuti quindi di disporre l’invio di personale aggiuntivo da destinare a Piacenza. Quanto al Ministero dello Sviluppo Economico – è l’invito del parlamentare piacentino – faccia quanto in suo potere per scongiurare la chiusura dello stabilimento di GLS, eventualità le cui conseguenze sarebbero incalcolabili».