Giorgia Meloni: “Sulla Tav Salvini e Di Maio giocano con la comunicazione”

“Sono a Torino per una doverosa attenzione verso le categorie produttive che chiedono prima di tutto sviluppo e lavoro”

Alessandro Mondo
Torino

«In Basilicata Fratelli d’Italia ha ottenuto il 6%, si conferma un trend di crescita ottimo per il nostro partito». Sono state le prime parole di , a Torino per una giornata iniziata incontrando il direttivo dell’Unione Industriale: «Oggi sono a Torino come simbolo di attenzione verso le categorie produttive che chiedono prima di tutto sviluppo e lavoro.

E proprio a Torino lanceremo la campagna elettorale con una conferenza programmatica prevista il 13 e 14 aprile al Lingotto».

«Cortina fumogena sulla Tav»

«Sulla Torino-Lione Salvini e Di Maio giocano con la comunicazione, la verità è che non ha vinto nessuno dei due – ha aggiunto Meloni -. Deve essere chiaro che la Tav non è solo un tracciato tra Torino e Lione ma parte di un corridoio europeo fondamentale per la crescita del Piemonte e del Paese».

Confermata la partecipazione di Fratelli d’Italia alla manifestazione pro Tav del 6 aprile a Torino: «Le manifestazioni sono utili se partecipate dai cittadini, noi ci saremo ma con le bandiere tricolori e non quelle di partito».

Giochi aperti sul candidato

«Cirio o Damilano? Bella domanda – ha sorriso la Meloni rispondendo ai giornalisti – l’importante è non perdere altro tempo. In Piemonte si può vincere ma i cittadini devono poter conoscere la nostra proposta». La Meloni concluderà la giornata partecipando ad un flash mob contro la chiusura del Regina Margherita: «Sbagliata la decisione di Chiamparino di smobilitare l’ospedale pediatrico».