Governo, ecco come Salvini e Giorgia Meloni vinceranno le prossime politiche

Governo, novità in arrivo

Da una proiezione del voto europeo di domenica sui collegi della Camera risulta che la coalizione a ’tridente’ del centrodestra (Lega, Fi, FdI) avrebbe una nettissima maggioranza parlamentare.

Al tempo stesso anche una formazione ’tandem’ tra Lega e Fratelli d’Italia, quindi senza Forza Italia, avrebbe ottenuto la maggioranza dei seggi con la possibilità, dunque, di formare un governo: queste in estrema sintesi le conclusioni di uno studio dell’Istituto Cattaneo definito “ipotetico” dai sui stessi autori, Marco Valbruzzi e Rinaldo Vignati perche’, ad esempio, ignora il “tasso di astensionismo differenziale” tra le due votazioni.

I due ricercatori hanno applicato ai collegi della Camera le percentuali del voto europeo immaginando due situazioni. Nella prima il centrodestra si presenta nella formazione “classica” o a “tridente”.

Per il centrosinistra e’ stata immaginata una formazione a due (Pd con +Europa) ed il M5s corre da solo senza possibilità di colazione o alleanza con altre liste di partito. In questo scenario il centrodestra avrebbe incassato ben 411 seggi (206 proporzionali, 205 nei collegi uninominali); il centrosinistra 122 seggi (107 proporzionali e 15 nei collegi uninominali), il Movimento 5 stelle 81 seggi (71 proporzionali e 10 uninominali).

In particolare il nord sarebbe quasi interamente del centrodestra con qualche piccolissima enclave di centrosinistra
in Piemonte e Liguria. Netto predominio del centrodestra anche nelle Marche e nell’Umbria, mentre in Toscana ed Emilia Romagna i due blocchi se la giocherebbero alla pari. Dal Lazio in giù il centrodestra, si rileva ancora nello studio ’ipotetico’ dell’Istituto Cattaneo, e’ largamente prevalente.