Il Pd insabbia Bibbiano. Il centrodestra boccia la relazione della commissione: è faziosa

di Stefania Campitelli

Il Pd insabbia lo scandalo di Bibbiano. Sostenere l’assenza di un sistema emiliano di affidi illeciti, come scaturisce dall’inchiesta Angeli e demoni, è inaccettabile. Il centrodestra boccia la relazione conclusiva della commissione regionale sul sistema di tutela dei minori, a guida dem.

Bibbiano, il centrodestra boccia la commissione

«Insufficiente, gravemente carente e per certi aspetti assolutoria». Così di Fratelli d’Italia spiega  la bocciatura del testo presentato dalla commissione sul sistema degli affidi emiliani. E, insieme alla Lega, annuncia la presentazione di una relazione di minoranza, sottoscritta da tutti i consiglieri di centrodestra.

«Non è stato rispettato il mandato. E  i dati raccolti sono difficilmente confrontabili tra loro perché non omogenei per tempi e territorio», continua il consigliere di FdI. L’esito del lavoro della commissione regionale, che ha escluso fin da subito il centrodestra, è il «tentativo di presentare una tesi preconfenzionata, soprattutto nella parte che riguarda proprio la Val d’Enza».

Fratelli d’Italia: è una tesi preconfezionata

Tagliaferri ha poi puntato il dito contro l’Ausl di Reggio Emilia che, a suo dire, avrebbe saputo dell’esistenza del centro La Cura (oggetto dell’inchiesta della magistratura). E ne sarebbe stata coinvolta. «Un’anomalia in quel distretto c’è stata, inutile negarlo, avrei voluto vederlo scritto nella relazione. Avete sempre cercato di sminuire il problema», conferma  Fabio Callori sempre di Fratelli d’Italia.

Identica la posizione della Lega. «Non abbiamo approvato la relazione perché è un documento frutto di un copione già scritto e preconfezionato. Offensivo nei nostri confronti., ma anche e soprattutto, nei confronti dell’intera comunità di Bibbiano. E dei bambini e delle famiglie che risulterebbero essere le vittime di un “sistema”, che dovrà essere giudicato dalla giurisdizione penale». Parola  Stefano Bargi, capogruppo del Carroccio regionale.

I Cinquestelle si astengono

Si defilano i grillini. Andrea Bertani ammette l’assenza di riposte chiare, parla di mancati controlli sulle vicende di Reggio Emilia. Ma poi opta per l’astensione. In dissenso dal gruppo la grillina Giulia Gibertoni vota contro il testo. «È una relazione che non risponde alle aspettative, non dà indicazioni chiare, non evidenzia le falle del sistema degli affidi e non lo mette in discussione».