La Meloni: «L’Europa mortifica i cristiani e spalanca le porte all’Islam». E cita Papa Wojtyla

di Michele Pezza

Una a tutto campo, quella intervistata dal quotidiano digitale In Terris. La leader di FdI mette in chiaro la sua visione sui temi “alti” della politica. A cominciare dall’Europa, tema caldo è divisivo come non mai. La Meloni rifiuta la versione caricaturale che la sinistra dà del sovranismo. E cita in proposito l’«oicofobia», neologismo coniato da Roger Scruton, il grande filosofo conservatore appena scomparso. «Sta ad indicare l’odio per la propria casa», spiega l’ex-ministra della Gioventù. Significa che «l’Europa non crede più in se stessa, nella sua identità e nei valori che l’hanno fatta grande nei secoli, e siamo noi i primi a negare ciò che siamo». Il risultato dell’oicofobia lo registriamo giorno dopo giorno.

La Meloni intervistata dal quotidiano digitale In Terris

«L’Europa –  prosegue la Meloni – è in balia di un laicismo distorto, che cancella i simboli della tradizione cristiana ma che spalanca al contempo le sue porte all’Islam più intransigente e a chi vorrebbe applicare la sharia anche a casa nostra». Un tema, quello delle radici cristiane, particolarmente caro a papa Wojtyla, di cui ricorrono in questi giorni i cento anni dalla nascita. La Meloni ne ricorda le vibranti parole pronunciate nel 1982 a Santiago de Compostela: «Grido con amore a te, antica Europa: ritrova te stessa. Sii te stessa. Riscopri le tue origini. Ravviva le tue radici. Torna a vivere dei valori autentici che hanno reso gloriosa la tua storia e benefica la tua presenza negli altri continenti».

«FdI per un welfare misura di famiglia»

L’altro testimonial di vero europeismo citato dalla leader di FdI è Goethe. «L’Europa – diceva il grande scrittore tedesco – è nata in pellegrinaggio e il Cristianesimo è la sua lingua materna». Parole drammaticamente attuali. «Aveva ragione – chiosa la Meloni -: noi dobbiamo riprendere quel cammino e riappropriarci della nostra lingua, che è la lingua della sacralità della vita, della difesa della famiglia naturale, della laicità dello Stato». È proprio a questa visione alta che la leader di FdI collega la sua riforma del welfare. «Occorre rimettere al centro la famiglia e la natalità» pur sapendo, aggiunge, che occorre «lavorare sul tessuto culturale» per far capire ai più giovani che «mettere al mondo un bambino non è un freno alla tua carriera o alla tua vita, ma è un valore aggiunto».