‘Misure economiche per Piacenza e regole precise per la ripartenza’

IL TAVOLO CON ASSESSORI E ELETTI

Interventi economici per il nostro territorio capaci di sostenere la ripartenza e linee guida molto precise per permettere una programmazione efficace della ripresa delle attività.

Sono queste le due esigenze primarie rivolte a Governo e Regione condivise dal Tavolo di confronto per Piacenza che si è riunito ieri per la prima volta su iniziativa della sindaca Patrizia Barbieri.

Oltre a lei, tra gli eletti piacentini erano presenti in video conferenza gli onorevoli ed Elena Murelli e i consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna Valentina Stragliati, Katia Tarasconi, Matteo Rancan e .

Collegati anche gli assessori del Comune di Piacenza. Non ha potuto partecipare, a causa di impegni istituzionali a Roma, il Ministro per le Infrastrutture e Trasporti, on. Paola De Micheli, che nel ringraziare per l’invito, ha comunque voluto far pervenire un messaggio di ringraziamento e sostegno per l’iniziativa, condividendone gli obiettivi e manifestando la massima disponibilità a partecipare a futuri incontri.

«Il positivo e costruttivo scambio di idee tra gli eletti piacentini a vario livello – fa sapere la prima cittadina Patrizia Barbieri – ha evidenziato due temi largamente condivisi.

Il primo è quello che riguarda la necessità di richiedere al governo centrale e a quello regionale un’attenzione particolare per il nostro territorio, così duramente colpito dall’emergenza sanitaria, con specifici interventi economici volti a sostenere la ripresa.

Allo stesso modo si ritiene fondamentale che vengano al più presto fornite, sia a livello governativo che regionale, linee guida molto precise in merito alla ripresa di tutte le attività, che permettano anche a noi, a livello locale, di avere la massima chiarezza per programmare la ripartenza.

Stiamo lavorando su tantissimi fronti nel tentativo di dare risposte tempestive ed efficaci alle richieste dei cittadini e rispondere alle loro esigenze, ma per fare questo abbiamo assoluto bisogno di basarci su regole e indicazioni chiare a livello centrale».

Il Tavolo di confronto per Piacenza si aggiornerà con una nuova convocazione all’esito del tavolo provinciale sul lavoro e a quello sul welfare tra Comune, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Curia e Camera di Commercio che sono già calendarizzati per i prossimi giorni.