Sanità. Tagliaferri (Fdi): riorganizzare le Unità assistenziali di base (Usca)

Per il consigliere l’emergenza coronavirus insegna che serve il potenziamento dei servizi sanitari territoriali per il cittadino

La Giunta riorganizzi le Usca, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, alla luce delle criticità e delle nuove esigenze emerse durante la pandemia da coronavirus. A chiederlo, in un’interrogazione alla Giunta, è  (Fdi) che ricorda come sia necessario, anche alla luce delle disposizioni di legge nazionali, “pianificare un’adeguata assistenza primaria e restituire centralità alla medicina pubblica territoriale. In particolare, imputando alle stesse Usca l’esercizio di funzioni e l’erogazione, a titolo gratuito, di prestazioni di assistenza sanitaria domiciliare ordinaria, secondo la programmazione, gli indirizzi e con le modalità che, previo coinvolgimento degli Enti locali, sono direttamente stabilite dalla Regione”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere se l’esecutivo regionale intenda “promuovere l’adozione di precisi interventi di riorganizzazione in ambito socio-sanitario tali da pianificare un’adeguata assistenza primaria e restituire centralità alla medicina pubblica territoriale; intenda valutare il mantenimento in funzione delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale anche una volta cessato lo stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 al fine di erogare a titolo gratuito prestazioni di assistenza sanitaria domiciliare ordinaria, secondo la programmazione e con le modalità stabilite dalla Regione, sentiti gli Enti locali”.

Il consigliere interrogante chiede poi se l’amministrazione regionale “intenda prevedere che nell’ambito di ogni Unità Speciale di Continuità Assistenziale venga istituito stabilmente il servizio dell’infermiere di comunità, con funzioni di assistenza sanitaria continua e presa in carico domiciliare del paziente; sia garantita la presenza continua di un operatore socio-sanitario, con funzioni di supporto; sia attivo un servizio di telemedicina e di telediagnosi”.

(Luca Molinari)