Tagliaferri a Bonaccini: «Più utile assumere nuovi agenti di Polizia Locale»

Il consigliere regionale di Fdi interviene in merito al ruolo degli assistenti civici antimovida

«Cosa pensa il Presidente Stefano Bonaccini della proposta del ministro Boccia di reclutare 60.000 assistenti civici antimovida? E’ ammissibile che questo delicato compito venga affidato a persone assunte a caso?

O sarebbe meglio usare quelle risorse per assumere più agenti di Polizia Locale, personale formato e di qualità?».

Nelle ore in cui il Governo deve decidere se riaprire o meno la circolazione tra Regioni il 3 giugno prossimo e il Presidente della Regione striglia gli habitué dello spritz, Giancarlo Tagliaferri, consigliere regionale di Fratelli d’Italia, richiama la Giunta regionale alle proprie responsabilità e chiede al Presidente di dire parole chiare su una delle proposte più discusse del Governo Conte.

Con un’interrogazione alla Giunta, Tagliaferri si fa carico anche di dare voce alla frustrazione dei tanti volontari della Protezione Civile che in questi mesi, senza nemmeno ricevere il rimborso di tutte le spese sostenute, hanno prestato il proprio lavoro al servizio della comunità, anche nei giorni più infausti della pandemia da Coronavirus.

«Sono state rilasciate dichiarazioni dove si assimilano gli assistenti civici ai volontari e alle volontarie di protezione civile che si sono dedicati al servizio degli altri, ingenerano una pericolosa confusione e offendendone l’impegno», taglia corto il consigliere regionale di Fratelli d’Italia che, senza fare paragoni diretti, lascia però chiaramente intendere come gli “assistenti civici” di Boccia rischino di essere un po’ come i navigator di Di Maio, poco preparati e completamente sconnessi dal territorio».

Uno scenario inquietante che porta Tagliaferri a chiamare in causa direttamente la Regione, chiedendo a Bonaccini parole e impegni chiari, tanto perché dimostri che le sempre più ripetute “smarcature” dal Governo Conte non sono solo slogan elettorali.

«Per affrontare la gestione della fase 2 è meglio che la Regione metta i Comuni nelle condizioni economiche di assumere nuovi agenti della Polizia Locale, tanto a tempo determinato, quanto in deroga dai vincoli statali sul personale», incalza Tagliaferri rivolto al governo di Viale Aldo Moro.

Poi l’affondo: «Bonaccini, nella sua qualità di Presidente della Conferenza Stato-Regioni deve almeno fare in modo che questi assistenti civici possano almeno ricevere un periodo di formazione e affiancamento dalla Polizia Locale o dalla Protezione civile»