Turismo. Tagliaferri (Fdi): sostenere i Bed & breakfast

Il consigliere sottolinea come le camere e gli appartamenti in affitto non beneficino dei vari bonus e detrazioni previsti dal governo

La Regione intervenga a sostegno dei bed and breakfast duramente colpiti dalla crisi post Coronavirus.

A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere (Fdi), che ricorda come “il settore più colpito dal lockdown è sicuramente quello turistico e in questo vi rientrano anche le strutture ricettive extra alberghiere, incluse quelle che esercitano attività saltuaria senza partita Iva e che rappresentano una soluzione di accoglienza turistica sostenibile come i B&B e le altre locazioni brevi di immobili che, a differenza delle altre attività ricettive, non rientrano nel bonus «tax credit» e non possono scaricare alcun tipo di costo”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’esecutivo regionale “quali iniziative intenda adottare al fine di tutelare e incentivare i settori in questione” e “se, alla luce di quanto previsto dagli articoli 241 e 242 del «decreto Rilancio», siano in corso o si intendano promuovere interlocuzioni per stimolare iniziative complementari a quelle nazionali che possano tutelare, nella considerazione delle specificità territoriali di ricettività turistica, anche le strutture extra alberghiere prive di partita Iva”.

(Luca Molinari)