Scuola. Tagliaferri (Fdi): accordi con scuole private per reperire aule

Il consigliere ricorda come l’eventuale utilizzo delle palestre per sopperire alla mancanza di spazi per riavviare l’anno in sicurezza postCoronavirus creerebbe molti problemi alla popolazione

La Regione stipuli accordi con le scuole paritarie per recuperare le aule necessarie per la ripresa scolastica in sicurezza senza dover “sacrificare” le palestre.

A chiederlo è il consigliere Giancarlo Tagliaferri (Fdi) che ricorda come “le linee guida sulla riapertura delle scuole stabilite dal ministero dell’Istruzione prevedono, tra l’altro, di trovare spazi alternativi dove svolgere le lezioni, come cortili e palestre scolastiche da utilizzare come aule, ma la trasformazione delle palestre in aule pregiudicherebbe non solo le lezioni di educazione motoria, ma anche l’attività delle realtà sportive legate che utilizzano, negli orari extrascolastici, le palestre delle scuole”.

Inoltre, sottolinea Tagliaferri “secondo un articolo della stampa locale circa il 60 per cento degli sportivi amatoriali e agonisti si vedrebbero precluso lo svolgimento della loro attività, sia per gli allenamenti che per le competizioni”.

Da qui l’atto ispettivo  per sapere dall’esecutivo regionale “se non ritenga di stipulare accordi con le scuole paritarie al fine di recuperare le aule mancanti, in modo da non pregiudicare l’utilizzo delle palestre, garantendo così l’attività sportiva di milioni di atleti e, al tempo stesso, offrire un aiuto finanziario per gli istituti paritari, realtà fondamentale nei paesi e nei quartieri, oggi in enorme difficoltà a causa della sospensione delle lezioni e delle rette”.

(Luca Molinari)