“In Toscana si può vincere” Meloni sfida il centrosinistra

Prima la passeggiata su Ponte Vecchio, poi la visita alla Galleria degli Uffizi. La leader di FdI: “La Regione apra una linea di credito per le imprese”.

di PAOLA FICHERA

Un podio trasparente en plein air con Palazzo Vecchio sullo sfondo per lanciare il guanto della sfida. Perchè Giorgia Meloni, la presidente di Fratelli d’Italia, ne è convinta: “La Toscana con Susanna Ceccardi e una nostra presenza forte può avere molto di più. La frase del candidato del centrosinistra Eugenio Giani “Ceccardi è al guinzaglio di Salvini“ tradisce l’idea che a sinistra hanno delle donne in politica, le donne in politica come concessione degli uomini.

A me pare che sia la Toscana al guinzaglio della sinistra e noi toglieremo questo guinzaglio per farla correre libera”.

Meloni ieri mattina, accompagnata dall’onorevole Giovanni Donzelli, dal senatore Achille Totaro, ma anche dai due possibili candidati alle prossime Regionali, l’appena dimesso coordinatore regionale Francesco Torselli e il consigliere uscente Paolo Marcheschi, ha fatto anche una passeggiata sul Ponte Vecchio.

“La situazione che abbiamo trovato è davvero drammatica, più di quanto ci si aspettasse. Siamo entrati in una delle gioiellerie storiche e ci dicono che hanno riaperto ma i dipendenti non hanno ancora visto la cassa integrazione. La responsabilità che abbiamo in una stagione come questa è enorme.

Il prossimo della maggioranza di governo che mi dice che siamo portatori di fake news e che quasi quasi mi vuole sanzionare con il ministero della verità che hanno istituito a Palazzo Chigi perché diciamo che la cassa integrazione non arriva, lo porto a parlare con questi gioiellieri”.

E ha aggiunto: “Noi abbiamo fatto tante proposte per le imprese e i lavoratori, contro la burocrazia, per agevolare la liquidità, sull’Iva, che non hanno avuto cittadinanza nel governo, non è vero che la Regione sui distretti produttivi industriali della Toscana non potrebbe fare la sua parte.

Non si potrebbe aprire una linea di credito per evitare che gioiellerie, artigiani e imprese finiscano in mano straniera? Rischiamo di perdere l’identità delle nostre eccellenze”.

Un flash anche sulle infrastrutture: “Dedichiamo la Tirrenica ad Altero Matteoli (ex leader di An e di Fdi, deceduto in un incidente stradale nel 2017 ndr). Era un suo progetto”.

Poi Meloni si è regalata due ore nelle Gallerie degli Uffizi, accompagnata dal direttore Eike Schmidt, dove ha scattato un selfie davanti alla Primavera del Botticelli.

E infine, in visita a LaNazione, è stata intervistata dalla direttrice Agnese Pini ( (sulle nostre edizioni www.lanazione.it e www.lanazione.itfirenze e sui profili de La Nazione Facebook e Twitter). La giornata toscana è proseguita con un flash mob a Prato sul trasporto pubblico locale.