Scuola. Tagliaferri (FdI): “mascherine riutilizzabili anche per gli operatori della scuola”

Il consigliere piacentino deposita un’interrogazione presso la competente commissione assembleare per capire come intenda muoversi la Regione nella fornitura di mascherine riutilizzabili anche agli operatori della scuola

(Fratelli d’Italia) torna, con un’interrogazione orale alla competente Commissione assembleare, ad occuparsi delle norme di sicurezza che accompagnano la ripartenza dell’anno scolastico. Questa volta il consigliere piacentino pone l’attenzione sulle mascherine fornite agli operatori scolastici.

Attualmente anche a questa categoria, come a molte altre, vengono fornite in prevalenza protezioni individuali usa e getta che -specifica il consigliere- “non sono riciclabili e troppo spesso vengono disperse nell’ambiente”.

Tagliaferri, per ovviare il problema dei rifiuti prodotti ed all’enorme sforzo organizzativo legato all’approvvigionamento di mascherine monouso, sollecita l’adozione di protezioni riutilizzabili certificate, equivalenti a quelle usa e getta.

Stante la situazione, l’esponente di Fratelli d’Italia non solo chiede quali iniziative si vogliano adottare “per garantire la fornitura alle scuole di ogni ordine e grado di mascherine certificate sanificabili e riutilizzabili per tutti gli operatori della
scuola”, ma anche quali iniziative voglia intraprendere la Regione “per sostenere e incentivare l’uso delle mascherine certificate sanificabili e riutilizzabili” e “per garantire lo smaltimento dei rifiuti prodotti da dispositivi di protezione individuale”.

(Luca Boccaletti)