Sanità. Tagliaferri (Fdi): mancheranno oltre 1.800 medici di famiglia, la Regione intervenga

Il consigliere sottolinea come già nel 2018 sia stato posto il tema e come l’emergenza Coronavirus abbia aggravato l’emergenza

La Regione si impegni per risolvere l’emergenza dovuta alla mancanza di un numero sufficiente di medici di famiglia. A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere (Fdi) che ricorda come si stia parlando di un problema che risale ben al 2018, aggravatosi con l’emergenza Coronavirus.

“Nel 2018 era stato previsto che entro il 2022 sarebbero mancati in Emilia-Romagna, una delle regioni maggiormente interessate dal problema, ben 1.802 medici di base”, spiega Tagliaferri, che interroga la Giunta per sapere “quali ulteriori azioni siano state previste o si intenda mettere in campo per sopperire alla carenza di medici di famiglia sul territorio emiliano-romagnolo che, ancor più in questa fase delicata di gestione dell’emergenza, accresce difficoltà e disagi e alimenta forti preoccupazioni soprattutto nelle categorie più fragili della popolazione, ma non solo, e quali siano i dati aggiornati sulle effettive necessità riferiti alla situazione in regione suddivisi per singola provincia”.

(Luca Molinari)