Cambiano tutto in 24 ore. Giorgia Meloni furiosa col governo: italiani beffati

Il governo naviga a vista e a pagarne le spese sono i cittadini.  spara a zero sull’esecutivo per il balletto inaccettabile degli aiuti agli imprenditori. “Altro che responsabili! La confusione che regna sovrana nelle stanze del governo continua a generare danni e cortocircuiti che hanno dell’assurdo”, scrive la leader di Fratelli d’Italia su Facebook rilanciando un video tratto da Fuori dal coro, la trasmissione di Rete4 condotta da Mario Giordano.

“Giovedì l‘Inps dichiarava che gli imprenditori delle regioni arancioni sarebbero stati esentati dal versare i contributi previdenziali, mentre il venerdì diceva l’esatto opposto, obbligandoli a sbrigarsi a pagare entro lunedì. Adesso basta, non si può giocare in questo modo con la vita e il lavoro delle persone. È troppo pretendere, almeno su questo, un minimo di serietà e coerenza da parte del governo?”, è l’accusa di Giorgia Meloni.

Il caso è quello dell’esenzione previdenziali per le zone rosse e arancioni annunciata giovedì scorso dall’Inps con la circolare numero 128. Il giorno successivo la doccia fredda arrivata con la circolare 129: le aziende devono versare i contributi per i dipendenti anche nelle zona arancione. E subito. “Dopo la falsa speranza ricevuta il giovedì sera ho dovuto mettere insieme i soldi da versare per il lunedì”, racconta sconsolato un imprenditore a Mario Giordano. Così il governo va avanti alla cieca.