Sicurezza. Tagliaferri (Fdi): ridurre il sovraffollamento carcerario

Un’interrogazione del consigliere prende le mosse da dati ufficiali per i quali i detenuti presenti in Emilia-Romagna sono 3.033 a fronte di una capienza teorica di 2.995. La percentuale di detenuti stranieri è del 48,99% (record a Piacenza con il 62,67%)

La Regione si impegni per risolvere i problemi del sovraffollamento carcerario.

A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere Giancarlo Tagliaferri (Fdi), che ricorda come “secondo i dati al 30 giugno 2020, i detenuti presenti in Emilia-Romagna sono 3.033 a fronte di una capienza teorica di 2.995.

La percentuale di detenuti stranieri è del 48,99%, in leggero calo rispetto al 51,37% dell’anno precedente (il record spetta sempre a Piacenza, con il 62,67%”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dalla Giunta “se intenda investire nei progetti riabilitativi che perseguono un effettivo reinserimento dei condannati attraverso il lavoro, la scuola, la sistemazione abitativa e se intenda attivarsi per distinguere tra strutture penitenziarie per detenuti pericolosi e quelle per detenuti a custodia attenuata, fondate su attività di recupero praticabili anche all’esterno”.

(Luca Molinari)