Memoria. Fdi: condannare querelle sul Giorno del Ricordo avvenuta a Reggio Emilia

Un’interrogazione di Lisei, Barcaiuolo e Tagliaferri chiede alla Regione di prendere posizione su quanto avvenuto in seguito di alcuni post postati su Facebook di un consigliere comunale del Pd

La Regione prenda posizione sulla querelle inerente al Giorno del Ricordo seguita a un post su Facebook di un consigliere comunale di Reggio Emilia.

A chiederlo, in un’interrogazione, sono Marco Lisei (Fdi), primo firmatario, Michele Barcaiuolo e Giancarlo Tagliaferri, che ricordano come, in occasione del giorno dedicato al ricordo delle Vittime delle Foibe, “sono stati pubblicati sui vari social diversi messaggi contro il ‘Giorno del Ricordo’ che, purtroppo, dimostrano una volta di più come questi diffusi strumenti di comunicazione siano un luogo in cui diffondere e fomentare odio e disinformazione. Uno di questi messaggi è stato postato da un consigliere comunale di Reggio Emilia appartenente al Partito Democratico, che, sulla propria pagina Facebook ha inserito frasi ingiuriose sulle Vittime delle Foibe. Questo post avrebbe scatenato una vergognosa gazzarra alla quale avrebbe preso parte anche il presidente delle Farmacie Comunali Riunite (FCR) di Reggio Emilia”. Purtroppo, sottolineano i consiglieri, “da quanto ci è stato segnalato, ancora oggi nessuno dei due avrebbe preso le distanze dal tenore e dal contenuto di questi commenti, ma, al contrario, avrebbero accusato le forze di opposizione di avere ‘la coda di paglia’”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’esecutivo regionale “se sia a conoscenza di quanto sopra esposto, che giudizio ne dia e se non ritenga inaccettabile che ancora accadano episodi del genere”.

(Luca Molinari)