Giorgia Meloni, una slavina in Parlamento: “Un nostro intergruppo”. Da Fratelli d’Italia siluro contro la maggioranza di Draghi

Giorgia Meloni rilancia. Dopo la creazione di un intergruppo Pd, Leu e M5s, la leader di Fratelli d’Italia invoca la stessa tra le forze del centrodestra. L’annuncio arriva nel giorno della fiducia al governo Mario Draghi.

E rappresenta per Forza Italia e Lega una prova di fedeltà. Silvio Berlusconi Matteo Salvini hanno infatti lasciato sola all’opposizione la Meloni.

“Se Pd, M5S e Leu – ha esordito quest’ultima – hanno formato un intergruppo parlamentare per coordinare la loro attività nella maggioranza a sostegno di Draghi, evidentemente contro gli altri partiti che sostengono il governo, allora penso che anche il centrodestra debba dotarsi di un suo intergruppo per portare avanti il programma elettorale comune.

E che sia utile farlo nonostante il diverso posizionamento attuale dei partiti della coalizione”. 

Una posta in gioco altissima per i leghisti e gli azzurri, che si trovano ora con due piedi in una scarpa. “Formulerò – ha rincarato la dose la Meloni – questa proposta a Salvini e Berlusconi e mi auguro possa essere accolta“.

Una sorta di federazione, “un nuovo modello per condividere alcune strategie”, lo definisce Alessandro Morelli. “Una cosa positiva”, ha detto ancora il parlamentare della Lega dimostrando di aver preso la palla al balzo.

“Altrimenti – è il suo ragionamento ad Agorà su Rai 3 – se i leader, Berlusconi e Salvini, capiranno che c’è sostanzialmente un tentativo di imbrigliare quello che il governo potrà fare per dare delle risposte vere agli italiani allora, in quel caso, sarà una situazione totalmente diversa”. 

Una notizia, quella lanciata dalla Meloni, che arriva a sorpresa. Proprio pochi mesi fa assieme a Berlusconi si era detto contraria all’idea di Salvini di una federazione del centrodestra. Di più, la numero uno di Fratelli d’Italia l’aveva liquidata con un “non so di cosa stiamo parlando“. Ma si sa, i tempi sono cambiati. E con questi anche il governo.