Question time Tagliaferri (Fdi): “Didattica in presenza, la Regione è pronta?”

L’assessora Salomoni riferisce in Assemblea come, da valutazione epidemiologica, sia maturata la necessità di portare la didattica in presenza alle superiori, in zona gialla, al 70 per cento (dal precedente 50 per cento)

Garantire la piena funzionalità della didattica in presenza per tutte le scuole di ogni ordine e grado, la Regione Emilia-Romagna cosa intende fare? A chiederlo, con un question time rivolta al governo regionale discussa in Assemblea legislativa, è di Fratelli d’Italia.

Recentemente (il 16 aprile scorso), spiega il consigliere, “il presidente Draghi ha dichiarato: ‘Dal 26 aprile riaprono i ristoranti all’aperto e tutte le scuole in zona gialla e arancione’”.

Ma, prosegue, “nel sito istituzionale della Regione Emilia-Romagna non è presente, al momento, alcuna notizia rispetto all’organizzazione della didattica in presenza per tutte le scuole, di ogni ordine e grado, all’interno delle fasce territoriali individuate con colore giallo e arancione”.

Tagliaferri, sul tema, rileva che sarebbero emerse alcune difficoltà legate ai trasporti: “Lo scorso 19 aprile sul quotidiano è stato pubblicato un articolo dal titolo ‘Bus e tram non bastano per il ritorno a scuola’, nel quale i nostri amministratori regionali hanno dichiarato che “…è impossibile fare stare il 100 o il 75 dentro il 50 (…)”.

La risposta arriva dall’assessora Paolo Salomoni, che spiega come, da valutazione epidemiologica, sia maturata la necessità di portare la didattica in presenza alle superiori, in zona gialla, al 70 per cento (dal precedente 50 per cento). Riferisce anche, relativamente al tema dei trasporti legati al sistema scuola, che sono stati reperiti ulteriori 70 mezzi.

(Cristian Casali)