Sanità. Tagliaferri (Fdi): rifinanziare i fondi integrativi per stipendi infermieri

Un’interrogazione rilancia le preoccupazioni per una delle categorie più impegnate nel contrasto al coronavirus

La Regione rifinanzi il fondo per le indennità integrative degli infermieri.

A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere (Fdi), che ricorsa come “il tema è complesso ma si può sintetizzare così: nell’anno del Covid al personale sanitario è stata pagata un’indennità in più per il lavoro nei reparti infettivi, ma questi soldi – un milione di euro solo per l’Ausl di Bologna – sono stati prelevati da un ‘portafoglio’ che serviva già a pagare altre indennità ai dipendenti e che rischia di rimanere a secco, queste integrazioni rappresentano il 30% dello stipendio. Il rischio è quello di non avere più soldi per pagare la produttività e il salario accessorio perché non ci sono le risorse. I fondi sono bloccati dal 2015 ma nel frattempo abbiamo il 20% di personale in più”.

Da qui la richiesta alla Giunta per sapere “se intenda attuare il rifinanziamento di queste indennità”.

(Luca Molinari)