Sanità. Tagliaferri (Fdi): green pass e regole anti Covid anche per i profughi ucraini

“Siamo solidali con il popolo ucraino, siamo vicini a chi soffre e speriamo in una soluzione celere del conflitto in Ucraina”

Green pass e norme anti Covid debbono valere anche per i profughi ucraini che arrivano nel nostro Paese.

A chiederlo, in un’interrogazione, è Giancarlo Tagliaferri (Fdi) che ricorda come “per cinque giorni, dopo il tampone negativo cui sono sottoposti i profughi entro le quarantott’ore dal loro ingresso nel nostro Paese, quindi per sette giorni, possono circolare senza green pass.

Questo significa che possono viaggiare sullo stesso bus, o treno, precluso a studenti e lavoratori italiani non vaccinati o senza terza dose, persone prive di vaccinazione o vaccinate molti mesi fa”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’amministrazione regionale “come pensa di attivarsi per porre fine a questa discriminazione e cosa sta facendo per evitare che l’arrivo di persone, in gran parte non vaccinate e non controllate attraverso tamponi, porti a una nuova ondata pandemica”.

(Luca Molinari)