Ambiente. Tagliaferri (Fdi): stato d’emergenza per il Po vittima della siccità

In un’interrogazione si chiedono interventi precisi per far fronte alle difficoltà emerse in questi mesi

Chiedere lo Stato d’emergenza per il Po.

A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere Giancarlo Tagliaferri (Fdi), che ricorda come “dal primo aprile inizia la distribuzione dell’acqua per le colture, in questo periodo non dovrebbe essere normale irrigare perché ci dovrebbero essere state le piogge, la semina pretende un terreno umido e molti agricoltori stanno valutando se farla. Ricorrere all’irrigazione d’emergenza, con il costo del gasolio a 1,50 euro al litro, aumenta gli oneri a carico delle imprese”.

Da qui l’atto ispettivo per chiedere all’amministrazione regionale “cosa intenda fare per affrontare il problema sia dal punto di vista economico sia da quello ambientale e se intenda chiedere lo stato d’emergenza per il Po e le altre aree regionali colpite dalla siccità”.