Fratelli d’Italia carica ‘Dobbiamo vincere al primo turno’

Il deputato Donzelli inaugura la campagna del partito. La sindaca: «A sinistra si muove il mondo, noi puntiamo sulla concretezza»

Portò fortuna a cinque anni fa quando venne a Piacenza da consigliere regionale. Si ripresenta oggi augurandole il bis da sindaca.

Il deputato di Fratelli d’Italia ha esortato militanti e candidati del suo partito: «Sono stati anni di buona amministrazione, di cui dovete andare fieri. Questo governo ha volutamente piazzato un ballottaggio in estate.

Per questo dico, da oggi andate casa per casa, strada per strada. Dobbiamo vincere al primo turno.

Ce la possiamo fare». La mattinata di ieri ai giardini di via Emmanueli-angolo via Campesio, stessa location del 2017, ha segnato l’avvio della campagna elettorale per il partito di Meloni qui a Piacenza. Erano presenti i più alti in grado, dal deputato al consigliere regionale (quest’ultimo sarà capolista), più quasi tutti i consiglieri comunali.

Sulla crescita del suo partito Donzelli ha fatto notare come «cinuqe anni fa nessuno avrebbe scommesso» sulla sopravvivenza di FdI, «oggi siamo il primo partito d’Italia, coerentemente all’opposizione perché mai faremo accordi con Pd o 5 Stelle».

«Perché? Semplice, abbiamo mantenuto le promesse guardando i cittadini sempre dritto negli occhi. Ora vanno raccolti i frutti di un lavoro importante svolto con in mezzo a una pandemia».

La sindaca si è detta incoraggiata» dalle parole del parlamentare toscano ribadendo di sentirsi orgogliosa dell’operato dell’amministrazione da lei guidata.

«Abbiamo lavorato tra mille difficoltà. Pensare che il giorno del mio insediamento erano stati notificati 55 avvisi di garanzia a dipendenti (l’inchiesta sui furbetti del cartellino, ndr). Di fatto mi sono trovata con la macchina comunale azzoppata. Ma siamo andati avanti e non ci ha fermato nemmeno il Covid».

La sindaca ha ricordato la capacità della sua giunta in questi anni di intercettare finanziamenti regionali ed europei «grazie a ottimi progetti», di aver raggiunto il risultato di individuare l’area del nuovo ospedale con accantonamento di 250 milioni di euro.

«E’ stato il frutto di un grande lavoro di squadra perché da soli non si fa nulla» ha detto.

Anche per questo si è detta grata a Fratelli d’Italia «per la lealtà e la competenza dimostrata durante tutto il mandato». Particolari ringraziamenti sono andati all’ex assessora e a Foti, quest’ultimo «motore instancabile».

Poi una stoccata al centrosinistra: «Di là si sta muovendo il mondo, io offro alla città la mia concretezza». A Foti, infine, si è rivolto anche Donzelli: «Quando cinque anni fa, insieme ad altri giovani colleghi, sono entrato in Parlamento, avevamo entusiasmo e volevamo spaccare il mondo. Per fortuna abbiamo potuto contare sull’indispensabile esperienza di Tommaso (Foti, ndr) che ci ha fatto da guida».