Infrastrutture Piacenza. Fdi: “La Regione prenda atto dei problemi viari del piacentino”

In un’interrogazione Fratelli d’Italia chiede che la giunta “prenda atto delle peculiarità del piacentino e delle problematiche che insistono su questo importante territorio”

Settanta milioni di euro il “conto della spesa” emerso dalle segnalazioni di cittadini, uffici, fabbriche e sindaci sui problemi che affliggono la rete viaria piacentina.

A comunicare la cifra, a cui si contrappongono gli 11 milioni del decreto dello scorso maggio, è Fratelli d’Italia che, in una specifica interrogazione, lamenta “una coperta particolarmente corta” per sanare i tanti problemi viari del piacentino.

Ricordando come i test tecnici sui ponti di Travo e Tuna siano tutt’ora in corso, “andando a ingrossare i dossier delle urgenze che incombono sulla provincia di Piacenza”, e che per gli interventi su queste infrastrutture occorreranno almeno dai 6 ai 9 milioni di euro, l’atto ispettivo denuncia un iter burocratico particolarmente lungo e incerto nella sua realizzazione per poter dare risposte concrete e tempi certi al territorio.

Alla luce della situazione delineata, Fratelli d’Italia chiede all’esecutivo regionale “di assicurare un celere svolgimento dei test tecnici sui ponti di Travo e Tuna”. Inoltre, chiede “se sia allo studio una ricognizione operativa sullo stato della rete viaria piacentina comprensiva di un dettagliato cronoprogramma che miri a sanare i bisogni largamente espressi dalla comunità”.

Fratelli d’Italia, infine, chiede alla giunta un deciso cambio di passo, “dato che la provincia di Piacenza è sempre relegata all’ultimo posto in ogni programma di intervento” e la sollecita a per prendere pienamente atto “delle peculiarità e delle problematiche di questo territorio”.

(Luca Boccaletti)