CRV – Politiche 2022: Feltrin (Oe): “FdI fa il pieno di voti al Nord”

Fratelli d’Italia, partito tradizionalmente a impianto meridionale, curiosamente prende più voti a Nord che al Sud. E la regione d’Italia dove prende più voti in Italia è proprio il Veneto”. Il politologo Paolo Feltrin, coordinatore dell’Osservatorio elettorale del Consiglio regionale del Veneto, coglie una ulteriore particolarità nel voto politico di ieri, domenica 25 settembre. “Al Nord – spiega Feltrin alla stampa – FdI fa il pieno di voti che erano della Lega. Invece, al Sud, il partito di cede voti verso il Movimento 5 Stelle”. Di contro, il flusso è inverso per la Lega che – sottolinea Feltrin – “perde di più al Nord che al Sud, dove tutto sommato conserva il proprio bacino di preferenze. Anzi, in qualche caso specifico, al Sud prende qualche voto in più rispetto al 2018”.

Quanto alle mappe del voto in Veneto, il politologo nota che “Fratelli d’Italia aumenta i propri voti in tutte le aree periferiche, non nelle città capoluogo. Fatto strano – commenta- perché tradizionalmente FdI (e prima il Msi) prendevano più voti nelle città che in provincia. Le mappe del voto evidenziano una pressoché totale coincidenza tra le aree di calo di voti della Lega e quelle di aumento di FdI”.

“Anche Azione – aggiunge Feltrin – prende più voti nelle città che nelle aree di provincia: fenomeno prevedibile, questo, visto che la formazione politica di Calenda e Renzi intercetta più le preferenze delle classi dirigenti che quelle dei ceti popolari”.

La responsabilità editoriale e i contenuti di cui al presente comunicato stampa sono a cura di CONSIGLIO REGIONALE VENETO