Cadeo, Maggi (FdI): «Il presidente del Consiglio fatica a svolgere il suo ruolo in modo corretto»

La discussione tra la capogruppo di RinnoviAmo Cadeo Annalisa Maggi, il presidente del consiglio Gianmarco Lambertini e l’assessore Marco Bricconi in seguito alla surroga del consigliere dimissionario Massimiliano Dosi, a cui è subentrato Rino Russotto

«Durante il consiglio comunale di Cadeo dello scorso 29 aprile, si sono scaldati i toni tra la capogruppo di RinnoviAmo Cadeo Annalisa Maggi (FdI), il presidente del consiglio Gianmarco Lambertini e l’assessore Marco Bricconi in seguito alla surroga del consigliere dimissionario Massimiliano Dosi, a cui è subentrato Rino Russotto». Lo rende noto Fratelli d’Italia

«Il presidente del consiglio comunale, come verificabile dalla registrazione su youtube,  – spiegano – ha sottolineato più volte che ci sono state tre rinunce da parte di tre donne prima dell’accettazione alla carica di consigliere da parte di Russotto, sottintendendo un mancato rispetto della parità di genere e rimarcando in modo peloso un presunto mancato rispetto della volontà degli elettori».

«Queste affermazioni sono state gravissime – afferma Maggi – ed è il motivo per cui sono intervenuta. Come ho spiegato in consiglio comunale, il presidente deve astenersi da simili commenti poiché il suo compito è quello di dirigere i lavori dell’aula.

Il presidente del consiglio, che fatica a svolgere il suo ruolo in modo corretto e imparziale, non ha tenuto conto delle motivazioni delle tre persone che hanno rinunciato alla carica e, comunque, non è suo compito giudicare o sottolineare chi entra ed esce dal consiglio comunale».

«Durante la discussione tra i due, è intervenuto l’assessore Bricconi richiamando il consigliere Maggi, compito che al massimo sarebbe spettato al presidente del consiglio e non certo a lui, al rispetto del regolamento».

«Conosco bene il regolamento, che non è stato rispettato nemmeno dallo stesso assessore appellandosi a me con toni poco educati, dicendo che “devo stare zitta”, parlare quando mi è consentito e che devo “avere rispetto, soprattutto delle istituzioni” – spiega Maggi – quello dell’assessore è un comportamento poco istituzionale e arrogante.

Non accetto lezioni né di rispetto, né di parità di genere: per quanto riguarda il rispetto è un valore poco noto ad alcuni membri della maggioranza, invece, per ciò che concerne alla parità di genere, penso ci sia poco da aggiungere: a 21 anni sono diventata capogruppo a Cadeo e oggi, Fratelli d’Italia, esprime per la prima volta nella storia il presidente del consiglio nella persona di una donna.

Rassicuro i membri della maggioranza aggiungendo che il gruppo che ho l’onore di guidare è coeso e tutti quelli che erano presenti nella lista di RinnoviAmo Cadeo collaborano con noi costantemente.»

In merito, interviene anche Filippo Bertolini, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia.

«Quanto accaduto in occasione dello scorso consiglio comunale a Cadeo è veramente disdicevole. Dispiace che un assessore di esperienza come Bricconi utilizzi toni del tutto inappropriati verso una giovane consigliere comunale; soprattutto se lo stesso pretende di dare lezioni di rispetto delle istituzioni.

Parimenti, censuriamo anche le asserzioni del presidente Lambertini, prive di fondamento e del tutto inopportune per la carica che ricopre – afferma Bertolini -. Sarebbero ora gradite, per una questione di etichetta istituzionale minima, formali scuse alla capogruppo Annalisa Maggi da parte dell’Amministrazione Comunale tutta».