“La Costituzione di tutti”, dialogo sul premierato: l’evento alla Camera

“La Costituzione di tutti. Dialogo sul premierato” è il titolo dell’incontro che si svolge alla Camera dei deputati (Sala della Regina), domani, mercoledì 8 maggio 2024 alle ore 17, promosso dalle Fondazioni Alcide De Gasperi e Bettino Craxi.

Il tema del futuro della Nazione, del suo ammodernamento, verrà discusso dinanzi ad una platea composta da imprenditori, professionisti, accademici, scienziati, artisti e sportivi: uno spaccato rappresentativo delle classi dirigenti.

I lavori verranno aperti dai saluti del presidente della Camera dei deputati, Lorenzo Fontana, e del ministro per le Riforme, Maria Elisabetta Alberti Casellati, cui seguiranno i discorsi introduttivi dei presidenti dei due Istituti, Angelino Alfano e Margherita Boniver.

Il panel, moderato da Maria Latella, prevede gli interventi di quattro studiosi di diversa formazione e sensibilità: Giovanni Orsina, ordinario di Storia contemporanea alla LUISS Guido Carli, Francesco Clementi, ordinario di Diritto Pubblico comparato presso l’Università “La Sapienza”, Anna Maria Poggi, ordinario di Diritto Pubblico comparato all’Università degli Studi di Torino e Luciano Violante, presidente Onorario della Fondazione Italia Decide. Il pomeriggio si concluderà con l’intervento del presidente del Consiglio dei ministri, Giorgia Meloni.

Sarà un dialogo sul premierato nel giorno in cui il testo sull’introduzione dell’elezione diretta del Premier uscito dalla Commissione approda in Aula al Senato. E sarà un dialogo basato sul presupposto che la Costituzione, ciò che sancisce e il modo in cui articola il funzionamento delle Istituzioni repubblicane, non riguarda solo gli addetti ai lavori. Ma soprattutto sulla certezza che la Costituzione è di tutti.

È di tutti perché definisce quel patrimonio comune di valori, di principi, di diritti e di doveri nei quali tutti ci riconosciamo e all’interno del quale le differenti posizioni trovano un terreno di confronto.

Poiché l’instabilità dei governi indebolisce una Nazione nelle relazioni internazionali e in economia, l’intento è sottolineare che le riforme istituzionali, premierato incluso, non sono conflittuali rispetto ai poteri istituzionali, ai principi fondanti e agli obiettivi della nostra Costituzione.

Al contrario, intendono adattare tali principi e obiettivi a un contesto profondamente mutato, a una contemporaneità complessa e globalizzata nella quale occorre garantire la certezza dei poteri fondamentali dello Stato.

In una effettiva democrazia è necessario che al mandato degli elettori corrisponda una legislatura stabile, dove il programma che ha ottenuto la fiducia degli elettori trovi piena attuazione.

Non sarà dunque un convegno specialistico tra addetti ai lavori bensì un momento di confronto con i cittadini. Sono stati invitati all’evento personalità e dirigenti dei più diversi settori, a comporre una parte significativa della società italiana, della sua classe dirigente e di quella cittadinanza cui spetta la sovranità nei sistemi democratici degni di tale nome. Ne elenchiamo solo alcuni.

ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E TERZO SETTORE: Giorgio Berloffa, presidente CNA; Anna Paola Cavanna, vicepresidente CONFAPI; Roberto Calugi, direttore generale FIPECONFCOMMERCIO; Giuseppe Tripoli, segretario generale UNIONCAMERE; Michele Poerio, segretario generale CONFEDIR; Nicola Orsi, direttore generale CDO; Zoello Forni, presidente ANMIL; Rosario De Luca, presidente Ordine Consulenti del lavoro; Emmanuele Massagli, presidente AIWA (Ass. Ita. Welfare Aziendale); Stefano Firpo, direttore generale ASSONIME; don Maurizio Patriciello, parroco a Caivano; don Antonio Coluccia, parroco a Tor Bella Monaca; Pierluigi Bartolomei, direttore ELIS.

CULTURA, SPORT E SPETTACOLO: Tarek Ben Ammar, presidente Quinta Communication; Francesca Cappelletti, direttrice Galleria Borghese; Salvo Nastasi, presidente SIAE; Filippo Magnini, campione olimpico; Daniele Garozzo, campione olimpico; Elisa Di Francisca, campione olimpico; Iva Zanicchi, cantante; Claudia Gerini, attrice.

ENERGIA: Pietro Putti, presidente GME; Vigilante De Vinicio, presidente GSE; Marco Bernardi, AD Illumia; Giovanni Brianza, AD Edison Next; Sergio Agosta, AD Terna Energy Solutions.

FINANZA: Vincenzo Sanasi d’Arpe, AD Consap; Francesco Minotti, AD Mediocredito Centrale; Enrico Risso, AD Intrum; Anna Lambiase, presidente CDP Venture Capital; Gabriella Alemanno, consigliera CONSOB.

IMPRESE: Marco Hannapel, AD Philip Morris; Gennaro Schettino, presidente GBO; Claudio Graziano, presidente Fincantieri; Lorenzo Benigni, vicepresidente ELT Farmaceutica; Enrica Giorgetti, direttore generale Farmindustria; Giampiero Massolo, presidente Mundys; Gian Marco Martini, AD Todini Costruzioni Generali; Gian Luca Gregori, presidente WeBuild; Pietro Salini, AD WeBuild; Pietro Piccinetti, AD Infratel; Roberta Nieri, presidente Retelit.

INFORMAZIONE: Antonio Polito, vicedirettore Il Corriere della Sera; Ernesto Galli della Loggia, editorialista Il Corriere della Sera; Massimo Giletti, giornalista Rai.

RICERCA E UNIVERSITÀ: Antonio Uricchio, presidente ANVUR; Giovanni Guzzetta, ordinario di Diritto Pubblico, Università Roma Tre; Vincenzo Tondi della Mura, ordinario di Diritto Costituzionale, Università del Salento.

SANITÀ: Angelo Vescovi, presidente Comitato Nazionale Bioetica; Giampaolo Angelucci, presidente Tosinvest; Kamel Ghribi, vicepresidente Gruppo San Donato; Carlo Tosti, Presidente Campus Biomedico.