Sicurezza, Tagliaferri: «Bodycam e tornelli sui bus»

La richiesta del consigliere regionale

«Ormai quotidianamente si sente parlare di aggressioni – verbali e spesso anche fisiche – a danno del personale del trasporto pubblico locale nonché dell’utenza del servizio che spesso si trova costretta a viaggiare in condizioni di insicurezza».

Interviene Giancarlo Tagliaferri, consigliere regionale di Fratelli d’Italia, commentando le ultime notizie di cronaca. «È solo l’ultimo di una serie di gravi accadimenti quanto avvenuto nei giorni scorsi sull’autobus della tratta extraurbana di Ponte dell’Olio, nel territorio piacentino, dove tre nordafricani hanno aggredito un giovane passeggero sfoderando un coltello.

Altra aggressione anche a Monticelli, dove è stato denunciato un 23enne per aver picchiato un coetaneo sul bus», spiega Tagliaferri che sul tema ha presentato un’interrogazione alla Giunta Regionale.

«L’insicurezza a bordo del trasporto pubblico è un’assoluta emergenza sulla quale la Regione deve intervenire a tutela sia degli operatori del trasporto pubblico sia degli utenti del servizio.

Suggerisco alla Giunta Regionale di valutare l’adozione anche per il personale delle agenzie di trasporto pubblico locale di uno strumento di segnalazione delle aggressioni sulla falsariga delle bodycam in dotazione ai capitreno TPer, nonché l’installazione di tornelli per limitare l’accesso ai bus solo a coloro che sono in regola con il pagamento del biglietto.

Non può certo sfuggire che spesso dietro a questi episodi di violenza ci siano persone che vivono al limite della legalità e non curanti delle regole del vivere civile».