Soresi (FdI):«All’autostazione volume annunci bus troppo alto e disagio per i residenti»

Interrogazione della capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale: «Due anni fa Arpae segnalò che il livello sonoro risulta sempre superiore al limite consentito. Cosa intende fare l’amministrazione?»

«Da anni coloro che abitano nelle vicinanze dell’autostazione Seta in via Colombo e via dei Pisoni lamentano l’elevato volume degli annunci di partenza dei mezzi per le varie destinazioni. Gli annunci iniziano – ogni giorno – alle 6.30 della mattina per terminare alle 20.30 della sera e sono ripetuti più volte a cadenza di circa un minuto tra l’uno e l’altro. Così, per l’intera giornata». Questo il motivo di un’interrogazione di Sara Soresi, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale.

«Nell’anno 2022 Arpae – osserva Soresi – a seguito di segnalazione degli abitanti, ha redatto un rapporto tecnico dal quale emerge che: “il livello sonoro risulta sempre superiore al limite consentito” e che “pure apprezzabile è la qualità dell’annuncio che, a prescindere dal jingle introduttivo del messaggio, risulta particolarmente disturbante per la ripetitività”.

Nel rapporto viene altresì valutata la frequenza degli annunci, che risulta essere pari ad un annuncio ogni minuto e mezzo circa”. Il rapporto Arpae termina sostenendo: “il servizio di annunci produce immissioni sonore negli ambienti abitativi circostanti sempre superiori al limite consentito.

Pertanto si ritiene di proporre all’Amministrazione Comunale di adottare i provvedimenti amministrativi più opportuni nei confronti di Seta affinché vengano valutati sistemi alternativi alle attuali comunicazioni vocali diffuse a mezzo di sistemi amplificati, per assistere i soggetti ipovedenti nella fruizione dei servizi di trasporto».

«Eppure – prosegue la capogruppo – nonostante siano trascorsi oltre due anni, purtroppo, nulla è cambiato, tanto che i residenti mi hanno contattata per lamentare il disagio. Ho quindi segnalato la questione sia a mezzo mail istituzionale, sia durante seduta di Consiglio Comunale risalente ormai ad oltre sei mesi fa, evidentemente senza successo, considerando che gli annunci non sono stati né sospesi né hanno diminuito la loro intensità».

L’esponente di Fratelli d’Italia ha dunque provveduto al deposito dell’interrogazione – alla quale l’Amministrazione è tenuta a rispondere entro i prossimi trenta giorni – con la quale chiede se, in considerazione di quanto precisato da Arpae, siano stati adottati provvedimenti amministrativi nei confronti di Seta e, in caso di risposta positiva, chiede di conoscere quali provvedimenti siano stati adottati.