Zanardi: «Cancello chiuso nell’area verde di via Manfredi»

La consigliera Fdi: «Venga resa accessibile al pubblico, c’erano degli accordi»

Gloria Zanardi, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, ha presentato un’interrogazione scritta in merito all’area verde che si trova al civico n. 11 di via Manfredi, già oggetto in passato di numerosi atti ispettivi.

«Dopo la richiesta, nel 2004, di parere preventivo per l’ampliamento del fabbricato di via Manfredi 11, si attivava il relativo iter urbanistico – illustrato nell’interrogazione – che, tra le altre cose, si concludeva con una Convenzione finalizzata, ex art. 41 comma 403 delle Nta del Prg vigente, alla realizzazione di un’area a verde pubblico con sottostanti autorimesse e la previsione che tale spazio verde dovesse essere realizzato, mantenuto e vigilato a spese della ditta proponente e dei suoi avente causa e, soprattutto, dovesse essere accessibile al pubblico, garantendone la vigilanza e la sicurezza, come altra area verde di proprietà comunale».

Dopo tali premesse, l’esponente di Fratelli d’Italia, evidenzia che «già nel 2015, a seguito della sua realizzazione, tra l’altro tardiva rispetto agli interventi sul fabbricato, l’area non risultava accessibile al pubblico, tanto che veniva proposto un apposito atto ispettivo da un consigliere comunale di allora – prosegue – successivamente erano comparsi del cartelli sul cancello di ingresso all’area verde che indicavano gli orari di apertura; oggi non vi sono nemmeno più quelli e il cancello è chiuso».

Zanardi, dunque, chiede all’amministrazione «se intende verificare la situazione attuale e il rispetto degli impegni assunti con la convenzione e regolamenti sopra citati e se intende attivarsi affinché, salvo variazioni intervenute nel tempo di cui nel caso si domanda la relativa documentazione, l’area verde in questione venga resa accessibile al pubblico, visto che per i residenti del quartiere l’area verde in questione sarebbe sicuramente uno spazio utile da potere utilizzare soprattutto nella stagione primaverile ed estiva e non si comprende la ragione per la quale non vengano rispettati o non si facciano rispettare accordi presi e disposizioni in essere».